Nuovo scandalo scuote la Chiesa: abusi su 547 bambini del coro di Ratisbona!

Un nuovo scandalo inerente abusi fisici e sessuali su minori scuote il mondo ecclesiastico ancora nella bufera per via del processo a carico del cardinale australiano Pell.

Sono almeno 547 i bambini che, nel corso di decenni, hanno subito violenze nel coro del Duomo di Ratisbona. È il risultato emerso dal rapporto finale pubblicato dai media tedeschi stando al quale, 500 bambini hanno subito violenze corporali, e 67 anche violenze sessuali.

Il fratello del Papa emerito Benedetto XVI, Georg Ratzinger, ha diretto il coro di Ratisbona, per il quale i media tedeschi oggi parlano di 547 bambini vittime di violenza sessuale nei decenni, per quasi trent’anni, dal 1964 al 1993.

Ma i fatti dell’inchiesta, di cui si era parlato anche nel 2000 anche se non con questi elementi di gravità, risalirebbero ad un periodo precedente. L’ex vescovo di Ratisbona ed oggi anche ex Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, Gerhard Mueller, quando si parlò nel 2000 di alcuni casi di pedofilia aveva dichiarato: “Georg Ratzinger è assolutamente, temporalmente e realmente estraneo” a questa vicenda. Più recentemente, a gennaio del 2016, il fratello di Joseph Ratzinger aveva dichiarato: “Ai miei tempi non ho assolutamente sentito nulla di abusi sessuali”.

Dopo le denunce degli anni scorsi, la diocesi ha iniziato a cooperare con l’inchiesta sugli abusi lo scorso anno e dovrà pagare un indennizzo di 20mila euro a ciascuna vittima, in maggioranza, alunni della terza e quarta elementare. Subito dopo le prime denunce sette anni fa, Georg Ratzinger chiese scusa affermando però di essere stato all’oscuro di quei fatti: “Se avessi saputo degli eccessi di violenza che avvenivano, avrei fatto qualcosa, chiedo perdono alle vittime” disse in un’intervista alla stampa tedesca, ammettendo comunque di aver anche lui dato qualche schiaffo durante i primi anni da direttore.