Homemondo & LifestyleQuanto guadagna un militare? In missione, al mese, dell'areonautica

Quanto guadagna un militare? In missione, al mese, dell’areonautica

Sempre più giovani, uomini e donne, si avvicinano alla carriera militare.

Per passione.

Necessità.

O perché spinti dalla volontà di dare un contributo al proprio paese.

Quale che sia la tua scelta non importa e fare il militare è un lavoro.

Come tale garantisce un guadagno che varia a seconda del grado, mansioni e ruolo ricoperto.

Ma quanto guadagna un militare, veramente?

Dipende.

La paga militare, bassa agli inizi, può raggiungere vertici considerevoli una volta raggiunto l’apice della carriera.

Ma vediamo tutto, insieme.

Quanto guadagna un militare al mese?

Per entrare a far parte delle forze armate è necessario arruolarsi come VFP1 e poi come VFP4, e in questi anni gli stipendi militari italiani sono piuttosto bassi: da 800 a 850 euro per i VFP1 e tra i 1050 e i 1150 euro per i VFP4.

Una volta completato un ciclo di 3 anni ( 1 da VFP1 e 2 da VFP) e ottenuto il grado di Caporal Maggiore lo stipendio sale a 1500 euro e si ha il diritto a 30 giorni di licenza retribuiti.

Ancora, però, non viene corrisposta la 13a mensilità.

Quando si arriva al grado di 1° Caporal Maggiore si può iniziare a parlare di veri e propri stipendi militari ( circa 18.200 euro annui ma ancora senza tredicesima)

Una volta ottenuto il servizio permanente si ha un ulteriore aumento e gli stipendi militari italiani arrivano ad oscillare fra i 19.000 e 21.000 euro annui.

Gli stipendi marescialli esercito, a cui si accede attraverso una specifica formazione presso la scuola Sottoufficiali dell’Esercito di Viterbo, arrivano a 24.000 euro all’anno, mentre gli Ufficiali, che si formano all’Accademia dell’Esercito, partono da un guadagno di 24.000 euro fino ad arrivare a quasi 26.000.

Più complicata la carriera dei Generali i cui compensi, però, possono arrivare a 240.000 euro all’anno!

E quanto guadagna un militare in missione?

Ovvero quanto guadagna un soldato in missione all’estero?

Un militare in missione all’estero, oltre allo stipendio ordinario, percepisce una maggiorazione che prende il nome di diaria.

Questa varia a seconda del paese di destinazione e del grado raggiunto.

Oltre a questa è prevista anche una serie di idennità a titolo di contributo aggiuntivo.

In linea generale la diaria minima corrisposta non può essere inferiore ai 100 euro e il militare italiano in missione all’estero può arrivare a percepire una somma supplementare che va da 2000 ai 4000 euro mensili.

Da non dimenticare che anche una semplice uscita di 2 giorni dalla caserma va considerata missione e verrà retribuita in proporzione al grado, al tipo di missione e alla mansione.

E in aeronautica?

Se vestire la divisa del pilota ti affascina, entrare in aeronautica potrebbe essere la risposta.

Anche qui, come nelle altre forze armate si accede tramite concorso e senza entrare troppo nel dettaglio dei diversi ruoli vediamo a quanto può ammontare lo stipendio aeronautica militare.

Il compenso percepito, naturalmente varia in base all’innalzamento del ruolo.

Stando alle cifre riportate dalla tabella nazionale pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, si parte da un minimo di 1457 euro mensili ( 17.500 euro annui) dell’Aviere capo per arrivare a ai 24.000 del 1° maresciallo Luogotenente, fino ai 25.905 del Tenente Colonello/ Maggiore.

- Advertisment -