HomeSalute & benessereNew York City chiede all'OMS di smettere di usare nomi "stigmatizzanti".

New York City chiede all’OMS di smettere di usare nomi “stigmatizzanti”.

[ad_1]

Gli operatori sanitari del Dipartimento della salute di New York City vedono i pazienti che cercano vaccinazioni contro il vaiolo, martedì 26 luglio 2022.

New York City martedì (27 luglio) ha chiesto all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di rinominare il vaiolo delle scimmie, vaiolo delle scimmie in inglese, un nome ritenuto stigmatizzante e che rischia di spingere i pazienti a isolarsi piuttosto che a farsi curare.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti La comunità gay di New York si mobilita contro il vaiolo delle scimmie

“Siamo sempre più preoccupati per gli effetti potenzialmente devastanti e stigmatizzanti che i messaggi sul virus del vaiolo delle scimmie possono avere su [des] comunità già vulnerabili”scrive il commissario per la salute di New York City Ashwin Vasan in una lettera al direttore generale dell’OMS, il dott.r Tedros Adhanom Ghebreyesus. Quest’ultimo aveva anche accennato a questo possibile cambiamento a metà giugno, come ricorda il signor Vasan nella sua lettera.

Sabato l’OMS ha dichiarato un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale (USPPI) per il vaiolo delle scimmie. Questo è il livello di allerta più alto per l’istituzione, che lo ha utilizzato solo per la settima volta.

Leggi anche: Vaiolo delle scimmie: come si trasmette, quali sono i sintomi?

Secondo l’assessore alla salute della città, questo “terminologia” è anche “radicato in una storia razzista e dolorosa per le comunità di colore”. Nella sua lettera, ricorda gli effetti negativi di false informazioni durante la comparsa del virus dell’AIDS (HIV) o del razzismo subito dalle comunità asiatiche dopo la pandemia di Covid-19, che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva descritto come “Virus cinese”.

“Sentimenti traumatici di razzismo e stigma”

“Continuare a usare il termine ‘vaicella delle scimmie’ per descrivere l’attuale epidemia può riaccendere questi sentimenti traumatici di razzismo e stigma, specialmente per i neri e altre persone di colore, così come per i membri delle comunità LGBTQIA+, e possono evitare di utilizzare servizi sanitari vitali per questa ragione”aggiunge Ashwin Vasan.

Chiunque può contrarre il vaiolo delle scimmie, ma dalla sua comparsa in Europa e negli Stati Uniti, il virus si diffonde in modo schiacciante tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

New York è la città più colpita degli Stati Uniti per numero di casi, con 1.092 contaminazioni rilevate dall’inizio dell’epidemia. Più di 15.000 sono stati confermati in 74 paesi finora quest’anno.

Leggi anche: Vaiolo delle scimmie: perché gli uomini gay e bisessuali sono più colpiti?

Il mondo con AFP

[ad_2]

Source link

- Advertisment -