HomeEconomiaIl prezzo del carburante al centro della battaglia con le opposizioni per...

Il prezzo del carburante al centro della battaglia con le opposizioni per l’esame del bilancio rettificativo

[ad_1]

I parlamentari Renaissance, Gilles le Gendre, Charlotte Parmentier Lecocq ed Eric Woerth discutono all'Assemblea nazionale, il disegno di legge relativo alle misure di emergenza per la protezione del potere d'acquisto, il 21 luglio 2022 a Parigi, (Francia).

In questi giorni le notti in Assemblea sono brevi. L’esame dei due testi di governo sul potere d’acquisto, che insieme mobilitano oltre 20 miliardi di euro a favore delle famiglie penalizzate dall’inflazione, si svolge in tempi strettissimi, ponendo l’opposizione in una posizione di forza. L’esecutivo, che ha perso la maggioranza assoluta dopo le elezioni legislative di giugno, corre il rischio di essere messo in minoranza in qualsiasi momento, e vuole dimostrare di essere “cambiato” e di saper lavorare con i suoi oppositori, in particolare con Les Républicains, il forza principale su cui spera di fare affidamento.

Leggi anche: Il governo si oppone al reinserimento dei caregiver non vaccinati contro il Covid-19: la cronaca politica in diretta

Il disegno di legge sul potere d’acquisto, primo dei due testi passati all’Assemblea, ne ha offerto un esempio con l’adozione quasi unanime, nella notte tra mercoledì 20 e giovedì 21 luglio, del deconiugazione dell’assegno per adulti disabiliun provvedimento che le opposizioni chiedono da anni.

Altri compromessi sono attesi durante l’esame del bilancio rettificativo, che prende il via venerdì 22 luglio all’Emiciclo. Il testo prevede diverse misure ad alto rischio: prezzo del carburante, abolizione del canone, buono pasto, estensione degli scudi tariffari, rivalutazione del punto indice per i dipendenti pubblici e del bonus attività, ma anche crediti che finanziano il ritiro del rating EDF…

“L’esame di un bilancio ha sempre un significato simbolico, spiega Eric Woerth, parlamentare rinascimentale dell’Oise, ex Les Républicains (LR) ed ex ministro del bilancio. È il testo fondamentale in cui si bloccano maggioranza e opposizione. Ma la destra potrebbe ignorarlo. Diverse le misure, come l’abolizione del canone, la possibilità di riacquistare RTT [proposée par amendement de la majorité] o il punto indice sono state proposte anche da Valérie Pécresse [candidate de LR à la présidentielle]. » La maggioranza ha già fatto qualche gesto a monte nei confronti delle LR, accettando di andare oltre l’esenzione fiscale degli straordinari, la monetizzazione di RTT e la creazione di una carta biometrica Vitale per combattere le frodi sociali.

Compromesso intorno allo sconto alla pompa

Nei giorni scorsi il provvedimento che ha concentrato tutta l’attenzione è comunque lo sconto alla pompa di 18 centesimi, che il governo intende sostituire gradualmente da settembre con un controllo condizionato al reddito e rivolto ai big rollers. Punto di blocco per LR, che da diverse settimane si batte per il rimborso delle tasse per abbassare il prezzo alla pompa a 1,50 euro al litro. Troppo caro per Bercy.

Hai ancora il 54,56% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

[ad_2]

Source link

- Advertisment -