HomeSalute & benessereL'Agenzia Europea dei Medicinali approva ufficialmente il vaccino contro il vaiolo delle...

L’Agenzia Europea dei Medicinali approva ufficialmente il vaccino contro il vaiolo delle scimmie Imvanex

[ad_1]

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha dichiarato venerdì 22 luglio di aver ufficialmente approvato l’uso del vaccino Imvanex contro il vaiolo delle scimmie, il cui numero di casi potrebbe innescare il livello massimo di allerta sanitaria (OMS) dell’Organizzazione mondiale. L’agenzia sta quindi estendendo, a causa della somiglianza tra questo virus e quello del vaiolo umano, l’uso di un vaccino che si è dimostrato efficace contro quest’ultimo. “Il comitato dell’EMA per i medicinali per uso umano ha raccomandato di estendere l’indicazione del vaccino contro il vaiolo Imvanex per includere la protezione degli adulti contro il vaiolo delle scimmie”ha affermato il regolatore europeo in a comunicato.

Il vaccino Imvanex, dell’azienda danese Bavarian Nordic, viene somministrato negli Stati Uniti per la prevenzione del vaiolo umano e del vaiolo delle scimmie. Nell’Unione Europea è stato approvato dal 2013 solo contro il vaiolo umano. In effetti, ha avuto un uso compassionevole in Francia per la prevenzione del vaiolo delle scimmie.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Vaiolo delle scimmie: l’arma del vaccino per cercare di arginare l’epidemia

Aumento del numero di casi

Lo ha detto il direttore generale dell’Oms ” preoccupato “ Giovedì del numero crescente di casi di vaiolo delle scimmie quando l’organizzazione ha aperto una riunione del suo comitato di emergenza, chiedendo consiglio agli esperti. Ha il compito di dichiarare l’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale, il più alto livello di allerta dell’agenzia sanitaria, sulla base delle raccomandazioni del comitato. Durante un primo incontro del 23 giugno, la maggioranza degli esperti aveva raccomandato al dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus di non pronunciare l’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale.

La situazione è peggiorata nelle ultime settimane: ora sono oltre 15.300 i casi registrati in settantuno Paesi, secondo gli ultimi dati delle autorità sanitarie statunitensi.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Vaiolo delle scimmie: i casi sono in aumento in Francia con l’avvicinarsi degli eventi estivi

Rilevato per la prima volta nell’uomo nel 1970, il vaiolo delle scimmie è meno pericoloso e contagioso del suo cugino vaiolo, sradicato nel 1980. La malattia si manifesta inizialmente come febbre alta e progredisce rapidamente in un’eruzione cutanea, con la formazione di croste. Il più delle volte è benigno e generalmente guarisce spontaneamente dopo due o tre settimane.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti Vaiolo delle scimmie: gli infettiologi apprezzano l’estensione della vaccinazione preventiva ai gruppi più esposti

Il mondo con AFP

[ad_2]

Source link

- Advertisment -