HomeScienza & TecnologiaL'agglomerato di La Rochelle, esposto a un pesticida a livelli record, chiede...

L’agglomerato di La Rochelle, esposto a un pesticida a livelli record, chiede una moratoria sul suo utilizzo

[ad_1]

Il villaggio di Saint-Rogatien (Charente-Maritime) è circondato da campi coltivati.  Diversi bambini sono stati colpiti da tumori pediatrici dal 2008. Qui, 11 marzo 2021.

Quando Marc Maigné ha scoperto i risultati, ha creduto per la prima volta in a ” errore ” : “Per fortuna stavo seduto bene, altrimenti sarei caduto dalla sedia. » Marc Maigné è delegato per le questioni di salute pubblica all’agglomerato di La Rochelle. “Ma purtroppo è la triste realtà, abbiamo il record francese e di gran lunga”, osserva il medico di base.

La settimana di 1è Novembre 2021, concentrazioni nell’aria di prosulfocarb, a pesticida, ha raggiunto i 268 nanogrammi per metro cubo, nella pianura cerealicola di Aunis, alle porte della città di La Rochelle, secondo le letture di Atmo Nouvelle-Aquitaine, l’Osservatorio regionale per il monitoraggio della qualità dell’aria, rese pubbliche l’8 luglio. Non era mai stato registrato un valore così alto in Francia. Secondo le nostre informazioni, il livello più alto osservato finora è stato di 175 ng/m³, registrato nel 2018 nei Paesi della Loira.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Anche nelle aree protette, gli insetti sono esposti ai pesticidi

Anche all’Atmo Nouvelle-Aquitaine, “tutti hanno pensato per la prima volta a un errore di misurazione perché le concentrazioni erano così alte”, testimonia la sua referente, Julie Gault. L’organizzazione ha pubblicato, l’8 luglio, i risultati della sua campagna 2021 di misurazioni di pesticidi nell’aria in Nuova Aquitania. La media annuale di prosulfocarb nella pianura di Aunis è di 20 ng/m³, dieci volte superiore alla media nazionale. Un livello di concentrazione sette volte superiore a quello rilevato dall’Atmo Nouvelle-Aquitaine a Poitiers, altro territorio della regione dove l’ambiente agricolo è dominato dai campi coltivati.

Meno noto del controverso glifosato, il prosulfocarb è il secondo erbicida più utilizzato in Francia. Viene applicato massicciamente in autunno per il trattamento dei cereali invernali. Gli eletti della comunità dell’agglomerato di La Rochelle chiedono oggi a “moratoria” sull’uso dell’erbicida nel loro territorio. Una prima in Francia. Hanno scritto al ministro dell’Agricoltura il 7 luglio per fare la richiesta. “Dati i livelli significativi di prosulfocarb misurati, abbiamo ricevuto un parere scientifico da ANSES [Agence nationale de sécurité sanitaire] per valutare il rischio per la salute.preciso a Monde il ministero dell’agricoltura.

“Effetto cocktail”

“Il governo deve reagire, tuona il dottor Maigné. Non possiamo continuare a mettere in pericolo la salute della popolazione esponendola a pesticidi che sappiamo possono avere effetti cancerogeni a lungo termine. » Il comune di Saint-Rogatien, 2.200 abitanti, si trova nel cuore della pianura cerealicola di Aunis, a cinque chilometri da La Rochelle. Sei bambini sono stati vittime di cancro tra il 2009 e il 2018, incluso cinque dal 2013. Tra loro, una ragazza di 15 anni è morta nel 2019. Un ragazzo della stessa età è morto quest’anno nella vicina città di Périgny, di cancro.

Hai ancora il 62,87% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

[ad_2]

Source link

- Advertisment -