HomeScienza & Tecnologiale squadre sono destinate ad ancorarsi a livello locale?

le squadre sono destinate ad ancorarsi a livello locale?

[ad_1]

Il pubblico al Palais omnisports de Paris-Bercy, il 4 giugno 2022, durante un'altra competizione: la ZrT Trackmania Cup.

In abito nero sul palco dell’AccorHotels Arena di Bercy, Kamel Kebir esulta. Martedì 21 giugno, questo francese di 26 anni, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Kameto, ha riunito 12.000 persone attorno a un evento in onore delle sue squadre di e-sport Karmine Corp. In programma: scontri sui videogiochi Valorizzare et League of Legends (Lol), uno spettacolo di effetti scenici e musicali in stile americano e, soprattutto, un’atmosfera esplosiva che raramente si vede nell’e-sport francese.

Tre settimane prima, Kameto aveva affrontato una casa gremita di un tipo diverso. In un’atmosfera molto più calma e solenne, quasi duecento personalità influenti dell’e-sport francese sono state invitate all’Eliseo per un ricevimento destinato a celebrare il successo dei videogiochi competitivi in ​​Francia. Chiamato sul palco al fianco di Emmanuel Macron, il co-fondatore di Karmine Corp aveva poi chiesto al neo rieletto presidente per aiutare le squadre di eSport a costruire stadi per ospitare le competizioni e soprattutto i tifosi in futuro.

Un modo per rilanciare il dibattito sul radicamento nei territori delle strutture e-sport, che dalla fine delle restrizioni sanitarie si battono per un ritorno massiccio agli eventi fisici. E per porre la domanda sull’accoglienza di un numero sempre maggiore di consumatori a livello locale, nel 2021 in Francia erano circa 9,4 milioni, secondo l’ultimo barometro dell’associazione France Esports – che sono sempre stati abituati alle competizioni su basi neutre: online, durante i LAN party (in rete locale) o negli studi di produzione.

Leggi anche: ZrT Trackmania Cup: quando un videogioco di corse automobilistiche riempie Bercy

“Un’arena da 3.000 posti”

All’estero, affidandosi al modello dei campionati sportivi in ​​franchising negli Stati Uniti, c’è già chi ha scommesso sul locale. Activision Blizzard, ad esempio, l’editore di giochi dietro la Overwatch League e la Call of Duty League, ha trasformato le sue squadre in club cittadini o regionali che, a turno, ospitano competizioni. All’inizio di marzo, Optic Texas, ad esempio, ha accolto i suoi avversari e centinaia di fan nel suo stadio, l’Esports Stadium Arlington. La Cina, nel frattempo, è stato il primo Paese ad adottare nel 2018 un’operazione simile Su League of Legendscon partite in casa e in trasferta in sedi di club selezionati a Hangzhou, Pechino, Shenzhen, ecc.

Quando parla del futuro del suo club e della disciplina in generale, anche Kamel Kebir cita molto l’esempio cinese e sogna di importare questo modello in Francia. “Per Karmine Corp, il passo logico successivo è avere una piccola arena da 3.000 posti che costruiremmo e riempiremmo ogni settimana in modo che le persone potessero vivere le partite direttamente sul posto”, giudica. La squadra, i suoi numerosi giocatori e dipendenti si sono recentemente stabiliti nell’infrastruttura dell’Ile-de-France, dopo due anni di organizzazione remota. Cosa rende Karmine Corp un club parigino? “Dobbiamo vedererisponde il principale interessato. Per il momento siamo visti più come una squadra francese, ma è vero che siamo molto vicini alla città di Parigi. »

Hai ancora il 62,51% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

[ad_2]

Source link

- Advertisment -