HomeSalute & benessereNel Regno Unito, i servizi di ambulanza, la parte visibile di un...

Nel Regno Unito, i servizi di ambulanza, la parte visibile di un sistema sanitario in crisi

[ad_1]

Un caregiver fuori dall'ingresso del pronto soccorso al Victoria Hospital di Blackpool, Regno Unito, 17 giugno 2020.

“Finché non succede a te direttamente o a qualcuno a te vicino, non ti rendi conto di quanto il nostro sistema sanitario sia in ginocchio”, testimonia l’inglese Debby Blouet. All’inizio di luglio suo padre, residente nei dintorni di Stroud (nel Gloucestershire, nel sud dell’Inghilterra), di 76 anni, si ritrovò improvvisamente malato, con grande difficoltà a respirare. “Non poteva nemmeno alzarsi e fare due passi senza essere molto senza fiato. Ha chiamato il 999 [le numéro des urgences], dove gli è stato detto che non c’erano ambulanze disponibili per portarlo in ospedale. Mia sorella, che abita più vicino a casa di me, a una ventina di minuti di auto, ha dovuto guidarla da sola. »

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri iscritti La grande carenza di operatori sanitari è una realtà in tutta Europa

Arrivati ​​in ospedale, verso le 18, la figlia e il padre trovano il parcheggio pieno di ambulanze, con i loro pazienti all’interno, in attesa che un letto o una barella si renda disponibili al pronto soccorso. Il padre di Debbie Blouet ha dovuto aspettare fino alle 4 del mattino per vedere un medico, che lo ha mandato a casa. Ha dovuto aspettare fino al giorno successivo per essere ricoverato in ospedale. “Sta meglio, per fortuna. Ma le persone moriranno a causa dei nostri pronto soccorso saturi”preoccupa M.me Bluet.

Il sacrosanto NHS, il sistema sanitario pubblico e gratuito britannico, sta attraversando una profonda crisi: stremato dalla pandemia e, prima ancora, da dieci anni di sottoinvestimenti, mancano fino a 50.000 infermieri e 12.000 medici, solo in Inghilterra. L’accesso ai medici di famiglia sta diventando sempre più complicato: 6,2 milioni di britannici sono in lista d’attesa, in attesa di cure per il cancro o interventi chirurgici. Ma sono i servizi di ambulanza a costituire ormai la parte visibile della crisi, il primo collo di bottiglia per i pazienti appena a monte delle emergenze ospedaliere.

Un’attesa a volte fatale

Cosa sarebbe successo al padre di Mme Blouet se sua figlia non avesse potuto portarlo in braccio? Sempre più britannici si trovano indigenti, mentre le undici compagnie di ambulanze che lavorano per il NHS in Inghilterra e Galles rispondono sempre meno rapidamente, se non del tutto, alla chiamata. La carenza di personale, legata ai bassi salari o alla recrudescenza del Covid-19, è aggravata da questa abitudine di tenere i malati nei veicoli mentre i posti letto diventano disponibili. Le compagnie di ambulanze britanniche hanno tutte dichiarato simultaneamente a “incidente critico” 12 luglio, il che significa che non sono stati in grado di soddisfare la domanda.

Hai ancora il 53,96% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

[ad_2]

Source link

- Advertisment -