HomeSalute & benessereQuanto guadagna un'ostetrica? Privata, al mese, in Italia, all’estero

Quanto guadagna un’ostetrica? Privata, al mese, in Italia, all’estero

L’ostetrica, un bellissimo ed importantissimo lavoro, è una professione che consente ampi margini occupazionali e di carriera. Un’ostetrica può facilmente trovare occupazione tanto nel settore pubblico quanto impegnarsi nella libera professione. Ma quanto guadagna un’ostetrica, privata, al mese, in Italia, all’estero?

Si parla di stipendi importanti che vanno dai 1.500 euro netti per un’entry level, in Italia, fino a superare i 5.000 euro in Svizzera per le professioniste più esperte.

Quanto guadagna un’ostetrica in Italia privata

In Italia un’ostetrica privata può arrivare a guadagnare fino a 36 mila euro l’anno. Come per tutte le professioni il compenso varia in base all’esperienza. Unentry level può arrivare tranquillamente a guadagnare una media di 1.500 euro al mese. Uno stipendio medio si attesta intorno ai 28.000 euro netti al mese e le prestazioni orarie, sempre calcolate su un’esperienza media, superare la soglia dei 12 euro all’ora.

Quanto guadagna un’ostetrica all’estero

All’estero, specialmente nel nord Europa, i compensi crescono, come anche il costo della vita. Parlando di quanto guadagna un’ostetrica in Germania, ad esempio, uno stipendio medio si può aggirare anche sui tre mila euro al mese. Con la Brexit i parametri nel Regno Unito sono cmbiati: gli stipendi potevano arrivare anche a 30 mila euro l’anno, mentre oggi informandosi su quanto guadagna un’ostetrica in inghilterra si scopre che è un po’ meno.

In Svizzera, i lavori legati alla sanità sono pagati molto bene, tanto che alcuni italiani che vinvono al nord fanno i pendolari frontalieri. Volete sapere quanto guadagna un’ostetrica in Svizzera? Fino a 5.700 euro al mese.

Cosa fa l’ostetrica?

L’ostetrica è un’importante professionista che si occupa di tutto ciò che ha a che fare con la gravidanza, dai controlli durante tutte le fasi della gravidanza fino al parto.

Come diventare ostetrica?

Per diventare ostetrica, anche privata, bisogna iscriversi al corso di laurea in ostetricia di durata triennale, a numero chiuso. Per accedere ai corsi occorre superare dei test di ammissione. Terminato il percorso di studi, svolti i necessari tirocini, occorre iscriversi al Colleggio delle ostetriche.

Dopo la laurea triennale, però, è bene completare il ciclo di studi conseguendo anche la laurea magistrale, così da poter avere una maggiore esperienza ed ambire a retribuzioni più alte.

La laurea magistrale, della durata di due anni, mira ad approfondire ambiti gestionali come:

  • Metodologie socio-sanitarie
  • Coordinamento assistenziale
  • Management infermieristico e ostetrico
  • Organizzazione e gestione delle aziende sanitarie.

Ci sono poi i master che servono per completare la propria formazione e forniscono competenze più pratiche e concrete molto utili sopratutto per un carriera da ostetrica privata, come:

  • Tecniche ecografiche e cardiotocografiche
  • Diagnosi prenatale
  • Alimentazione nel periodo della gravidanza e dell’allattamento

Sbocchi lavorativi

Un’ostetrica può scegliere di lavorare con il servizio sanitario pubblico ma anche optare per le cliniche private, che in media assicurano stipendi più elevati. C’è anche la via della libera professioni, quindi con regime di partita Iva. In questo caso molte ostetriche implementano le attività con dei servizi aggiuntivi come i corsi preparo, sia privati che di gruppo, ed oltre l’assistenza durate il parto in casa eseguono anche assistenza domiciliare post parto con consulenze.

Inoltre le ostetriche svolgono anche attività di formazione, supporto e consulenza, a famiglie e giovani, anche adolescenti. Un’ostetrica privata può anche collaborare con istituti scolastici per attività di educazione sessuale e consulenza.

- Advertisment -