Homemondo & LifestyleAleksandr Dugin chi è: Putin, Darya Dugina, Russia

Aleksandr Dugin chi è: Putin, Darya Dugina, Russia

Aleksandr Dugin chi è il cosiddetto ‘Rasputin di Putin’, il cervello dello zar russo, l’uomo che ha ispirato il Presidente Putin per la rinascita di una nuova Russia radicale alla base dell’eurasiatismo. Approfondiamo di più a riguardo nell’articolo di oggi.

Aleksandr Dugin chi è?

L’uomo dietro la mente di Putin, a cui il presidente russo prende ispirazione per la sua politica estera ed espansionista della Russia, si chiama Aleksandr Dugin, nato a Mosca il 07 gennaio del 1962, sotto il segno zodiacale del Capricorno.

Aleksandr Dugin età è un uomo di 60 anni, all’anagrafe il suo nome completo è Aleksandr Gel’Evič Dugin.

Proviene da una famiglia ortodossa ritenuta vicina agli ideali nazionalisti sovietici e filo comunista, ovviamente contraria al liberalismo occidentale. 

Sua madre, una dottoressa, suo padre un ufficiale dei servizi segreti russi KGB

Studi e Lavoro

Il ‘Rasputin di PutinAleksandr Dugin Putin vanno mano a mano, l’uomo alla base della matrice di pensiero ultranazionalista che ha ispirato la politica estera di Putin, è un filosofo e politologo russo.

Fino al 2014 lavora all’Università di Mosca, dopodiché fu licenziato per il suo appello fortemente discusso di cancellare gli ucraini, nel periodo in cui a Odessa il 02 maggio dello stesso anno si svolgevano delle manifestazioni e proteste tra i cittadini filoucraini e quelli filorussi.

Il filosofo russo di estrema destra, Dugin, ha sostenuto rapporti internazionali con personaggi politici tra i quali figurano Steve Bannon (consigliere di fiducia dell’ex presidente Donald Trump) e l’ex portavoce di Salvini, Gianluca Savoini.

Eurasiatismo 

Il prof. Aleksandr Dugin è detenuto come il principale impulsore dell’ideologia sull’eurasiatismo nella Russia di Putin.

Sebbene il professore non ricopre nessun incarico politico, è un filosofo molto vicino a Putin.

Lui crede nella rinascita della Russia come quella grande potenza URSS che una volta fu, per mezzo di una reintegrazione della Russia con le ex nazioni che formavano parte dell’ex Unione Sovietica.

Anzi la sua ideologia di rendere la Russia grande come una volta, è considerata da molti come il fascismo russo.

Infine, Aleksandr Dugin eurasia non è altro che un’ideologia conservatrice a livello geopolitico che, il filosofo ha promosso fortemente in Russia.

Libri

Il politologo Aleksandr Dugin è anche uno scrittore che attraverso i suoi libri promuove le sue teorie e ideologie ultranazionaliste.

Ha scritto vari libri, per accennare alcune delle sue opere:

  • La missione eurasiatica di Nursultan Nazarbayev (2012)
  • Putin contro Putin (2020)
  • L’ultima guerra dell’isola-mondo (2020)
  • La Quarta Teoria politica (2020)
  • Teoria del mondo multipolare (2020)
  • I templari del proletariato. Metafisica del nazional-bolscevismo (2021)
  • Etnosociologia (2021)
  • Aleksandr Dugin politica aeterna (2022)
  • Spasibo Russia (2022)
  • Eurasia, Vladimir Putin e la grande politica (2022)
  • Contro il grande reset. Manifesto del Grande Risveglio (2022).

In particolare, nel libro intitolato La Quarta Teoria Politica (2009) il professore Dugin plasma la sua filosofia e pensiero politico.

Figlia 

Di nome Darya Platonova Dugina, morta all’età di 30 anni la sera del sabato 20 agosto nell’esplosione della sua macchina in cui viaggiava nei pressi di Mosca, di preciso a Bol’šie Vjazëmi nella capitale russa.

Appoggiava fedelmente l’ideologia di suo padre Aleksandr, ritenuta dagli stessi nazionalisti russi come troppo radicale.

Si era laureata in filosofia all’Università Statale di Mosca, ed era entrata nell’elenco delle persone fisiche sanzionate dal Regno Unito.

Sanzioni

Dal 2015 il Prof. Dr. Aleksandr Dugin è incluso nella lista internazionale di sanzionati, per via della sua ideologia di annessione della Crimea alla Russia.

Leggi anche: Zelensky chi è, età, moglie, film.

Oltre ad Aleksandr Dugin chi è anche sua figlia Darya Dugina era sotto le sanzioni dell’UK, inclusa dal 04 giugno del 2022 per aver appoggiato le politiche invasive della Russia in Ucraina.

- Advertisment -